Skip to main content

Fondo GPA Monti (1948 - 2012)

Gianemilio Monti (1920 - 2002); Piero Monti (1922 - 1990); Anna Bertarini Monti (1923 - )

Lo studio GPA Monti, dalle iniziali dei tre giovani architetti che lo fondano nel 1948 dopo la laurea al Politecnico di Milano conseguita in quello stesso anno, inizia ad operare nella città segnata dalle grandi distruzioni delle Seconda guerra mondiale. Lo studio si distingue nella progettazione di condominii ed edifici per uffici e nell’oltre mezzo secolo di attività si segnala tra i principali esponenti della cultura architettonica milanese, contribuendo in modo significativo alla ricostruzione postbellica della metropoli lombarda e alla definizione moderna del suo volto.

In corso Sempione, in corso Garibaldi, in viale Magenta, in via Carducci, in via Olona, nei nuovi grandi quartieri Vialba, Monte Olimpino, Feltre, i tre architetti sperimentano innovative soluzioni nelle forme come nell’uso dei materiali. Ed è una sperimentazione che si applica felicemente anche al design, in un equilibrio tra invenzione e funzionalità che vale allo studio importanti riconoscimenti in Italia e all’estero.

Il fondo è composto da un centinaio di faldoni contenenti documenti e disegni in riproduzione eliografica divisi per progetti, circa 200 cartellette di documenti, 32 scatole di fotografie e circa 600 cartelle di disegni, per un totale di 1222 unità archivistiche.

Donato ad Archivi Storici nel 2014.


Strumenti di corredo

Il fondo dispone di un regesto dei progetti e di un inventario sommario digitale di tutta la documentazione.

È disponibile inoltre la brochure “GPA i Monti a Milano”, pubblicata in occasione della mostra omonima tenuta ad Archivi Storici (21.5.2019 - 28.6.2019) a cura di Fulvio Irace e Maria Teresa Feraboli.