Che cosa viene fatto con gli articoli

Che cosa farà il Politecnico di Milano con gli articoli?

Il Politecnico di Milano continuerà a gestire il suo repository open access Re.Public al fine di rendere disponibili e conservare gli articoli scientifici prodotti dall'Ateneo e resi accessibili in conformità alla policy.
Il repository è conservato e reso accessibile all'harvesting dei servizi di ricerca come OAIster e Google Scholar.
Il repository è un'installazione del software open source DSpace e, grazie alla tecnologia OAI-PMH, sarà punto di disseminazione sul Web dei prodotti della ricerca dell'Ateneo, che possono così essere indicizzati dai motori di ricerca generali o speciali e da strumenti informatici in grado di semplificare i processi di ricerca come Primo, discovery tool acquistato dal Politecnico di Milano.
Il Politecnico di Milano può inoltre permettere ad altri di distribuire il contenuto, a condizione che gli articoli non siano venduti a scopo di lucro. Ad esempio, a docenti presso altre istituzioni potrebbe essere dato il permesso di fare copie per la distribuzione gratuita direttamente ai propri studenti. Tuttavia, il Politecnico di Milano non ha e non può concedere ad altri il diritto di vendere gli articoli per un profitto o di vendere un libro contenente gli articoli per un profitto.

Gli articoli possono essere utilizzati per fornire ricerca o altri servizi da aziende come Google?

Sì, la licenza del Politecnico di Milano permette di consentire alle istituzioni sia commerciali sia no profit di utilizzare gli articoli per fornire ricerca o altri servizi, purché gli articoli non siano stati venduti in cambio di royalties. Questo è vero anche se i servizi generano ricavi pubblicitari o se le aziende si fanno pagare per i servizi. Per esempio, la licenza concede al Politecnico di Milano di abilitare gli articoli ad essere raccolti e indicizzati dai servizi di ricerca (come Google Scholar), o recuperati da strumenti informatici in grado di semplificare i processi di ricerca (come Primo), in modo che possano essere più facilmente trovati e utilizzati per fornire altri servizi a valore aggiunto, finché gli articoli stessi non siano venduti a scopo di lucro.
Il Politecnico di Milano potrebbe anche autorizzare l'uso degli articoli in un servizio commerciale che fornisce informazioni estratte dagli articoli, come ad esempio dati bibliografici o elenchi di citazioni, ma non può autorizzare l'uso del testo integrale in sé. Eventuali accordi sarebbero coerenti con gli obiettivi di un accesso aperto, garantendo un'ampia visibilità e disponibilità di articoli accademici.

Chi controllerà l'implementazione della policy?

Il Gruppo di lavoro OA di Ateneo istituito dalla policy stessa. I suoi membri si occuperanno dello sviluppo di processi e procedure sollecitando la partecipazione dell'Ateneo e fornendo relazioni su come il piano di attuazione è sviluppato.
Il Gruppo di lavoro avrà anche il compito di monitorare l'andamento della policy e di presentare un rapporto a riguardo entro il 31 dicembre di ogni anno.